Nutrirsi è un bisogno primario, fonte di piacere e soddisfazione fin dai primi istanti di vita. Il mangiar bene e sano riveste quindi un significato importante e un’alimentazione equilibrata e varia è alla base una vita in salute. Cerca nel mio sito come posso esserti d’aiuto per vivere una vita sana con un’alimentazione personalizzata.

Ultimi approfondimenti

Facebook

facebook instagram Linkedin

Nutrizionista Cattaneo Eleonora

Dieta per il colesterolo alto: i benefici dell’alimentazione corretta

Dieta per il colesterolo

I livelli di colesterolo nel sangue rappresentano un importante fattore di rischio per le malattie cardiache. Quando i valori risultano particolarmente elevati, superando i limiti raccomandati, è indispensabile intervenire attraverso una corretta alimentazione.

 

La dieta risulta infatti determinante per tenere sotto controllo il colesterolo quando questo raggiunge livelli preoccupanti. È noto che gli alimenti assunti quotidianamente possono influenzare la condizione lipidica e, di conseguenza, l’insorgenza di patologie come l’aterosclerosi. Affidarsi a una dieta per il colesterolo alto bilanciata e personalizzata sul profilo di ciascun paziente consente di riportare rapidamente i valori nella norma, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiache come infarto e ictus.

 

Tuttavia è bene evitare schemi alimentari improvvisati, poiché la corretta impostazione di una dieta ipolipidemizzante richiede competenze specifiche. Il fai-da-te potrebbe risultare inefficace o addirittura controproducente. Rivolgersi a un esperto nutrizionista, figura sanitaria specializzata anche nella gestione del diabete e nella prevenzione delle dislipidemie, consente di ottenere i migliori risultati in tempi brevi attraverso una dieta su misura.

 

Cos’è il colesterolo

Il colesterolo è un composto organico essenziale per il corretto funzionamento dell’organismo, appartenente alla famiglia dei lipidi steroidei. Svolge funzioni fondamentali come essere componente delle membrane cellulari e precursore di vitamine, ormoni e acidi biliari. Il corpo è in grado di produrre autonomamente il 70-80% del colesterolo di cui necessita grazie alla biosintesi che avviene nel fegato, mentre la restante quota è assunta con l’alimentazione soprattutto attraverso cibi di origine animale quali carne rossa, burro, formaggi e insaccati.

 

Il colesterolo nel sangue viaggia legato a proteine dette lipoproteine che ne consentono il trasporto. Quando i livelli di tali complessi risultano eccessivi si parla di ipercolesterolemia. Tale condizione rappresenta un importante fattore di rischio per malattie cardiovascolari in quanto favorisce l’aterosclerosi.

 

Le lipoproteine sono classificate in base alla densità e alla capacità di trasportare il colesterolo. Le LDL, dette colesterolo “cattivo“, trasportano la maggior quota di colesterolo nel sangue mentre le HDL, definite “colesterolo buono“, svolgono un’azione protettiva ripulendo i vasi. Generalmente i livelli di HDL dovrebbero essere superiori al 30% del colesterolo totale.

 

Per prevenire le malattie cardiovascolari è importante mantenere livelli ottimali di colesterolo nel sangue attraverso adeguati stili di vita. È necessario adottare una dieta povera di grassi saturi e colesterolo, come quella mediterranea, associata ad attività fisica regolare. In caso di ipercolesterolemia è inoltre fondamentale una visita nutrizionistica Milano per la prescrizione di una dieta mirata.

 

Come abbassare il colesterolo alto

È importante chiarire che per abbassare significativamente i livelli di colesterolo nel sangue in presenza di cause genetiche predisponenti risulta generalmente necessaria una terapia farmacologica con statine. Tuttavia, modificando in modo corretto alcuni fattori legati allo stile di vita è possibile ottenere buoni risultati anche nei soggetti predisposti.

 

Un aspetto cruciale è rappresentato dal peso corporeo. Studi clinici dimostrano che la perdita anche solo del 10% del peso iniziale attraverso un dimagrimento progressivo dello 0,5-1,0% a settimana ha effetti significativi sulla riduzione dei valori di colesterolo. Altrettanto importanti risultano l’adozione di una dieta per il colesterolo alto povera di grassi saturi e colesterolo, bilanciata nelle calorie e nelle fibre, associata all’interruzione del fumo.

 

Non meno rilevante è inoltre l’attività fisica regolare, con almeno 10.000 passi al giorno e sessioni più intense 2-4 volte alla settimana, in grado di riportare nella norma gran parte delle ipercolesterolemie non genetiche.

 

Monitorare i risultati ottenuti e personalizzare gli interventi secondo le caratteristiche del soggetto richiede uno studio di consulenza nutrizionale Milano con il nutrizionista, figura specializzata nella gestione di tali problematiche.

 

Dieta per il colesterolo alto nella donna

Negli ultimi anni sono stati svolti numerosi studi per definire gli alimenti che influenzano positivamente o negativamente i livelli di colesterolo nel sangue. Tra gli alimenti che aiutano a far diminuire il colesterolo alto figurano in particolare la frutta e la verdura, ricche di fibre e antiossidanti, i cereali integrali, il pesce, soprattutto quello azzurro ricco di omega 3, l’olio extravergine d’oliva.

 

Vanno invece limitati i cibi particolarmente ricchi in grassi saturi e colesterolo, quali salumi e insaccati lavorati, burro, formaggi grassi, pasta e riso bianchi, prodotti da forno confezionati, carni rosse, crostacei e frattaglie.

 

Un esempio di dieta per il colesterolo alto su misura per una donna potrebbe prevedere:

 

  1. Colazione: yogurt magro con muesli integrali e frutta secca
  2. Spuntino: frutta di stagione
  3. Pranzo: riso integrale con verdure e pesce azzurro grigliato condito con olio EVO
  4. Merenda: frullato di frutta
  5. Cena: pasta integrale con pomodorini e legumi

 

Inoltre è importante bere almeno 2 litri di acqua al giorno, bersi un tè verde ricco di antiossidanti e condire i cibi solo con olio EVO, limone e erbe aromatiche.

 

Dieta per colesterolo alto nell’uomo

Anche per la dieta di un uomo con colesterolo alto valgono gli stessi principi su alimenti consigliati e da limitare. Tra gli alimenti che aiutano a far diminuire il colesterolo alto rientrano in primis la frutta, verdura, legumi cereali integrali, ricchi di fibre e sostanze nutritive indispensabili. il pesce, soprattutto azzurro per l’apporto di grassi omega-3, olio extravergine d’oliva che contiene antiossidanti benefici.

 

Vanno invece limitati i cibi grassi di origine animale come insaccati, formaggi stagionati, burro, i fritti, le pietanze elaborate, la carne rossa e i prodotti da forno confezionati.

 

Un esempio di dieta per il colesterolo alto per un uomo potrebbe essere:

 

  1. Colazione: Tea o tisana, fette biscottate integrali con marmellata senza zuccheri aggiunti
  2. Spuntino: un frutto di stagione
  3. Pranzo: riso venere con funghi e verdure saltate
  4. Merenda: smoothie di frutta e verdura
  5. Cena: pesce spada alla piastra con insalata mista

 

Durante la settimana è importante consumare almeno 2 porzioni di pesce, limitare olio a cottura, evitare gli alcolici e praticare sport 3 volte a settimana. Da non escludere tisane e infusi drenanti a base di ortica e tarassaco.

×